Vetrocamera antisfondamento come difendere casa dalle effrazioni
03
Nov

Vetrocamera antisfondamento: come difendere casa dalle effrazioni

Il tema del vetrocamera antisfondamento è molto delicato, perché è collegato in modo diretto ad una delle nostre più grandi paure. Ci riferiamo all’incubo di trovare casa violata dai ladri, sempre più diffuso, in particolare in alcune zone del nostro Paese.

Una delle prime cose da fare per evitare preoccupazioni e stress, soprattutto quando si avvicinano lunghi periodi di vacanze o festività, è assicurarsi che la casa sia in ottime condizioni di sicurezza.

 

Sicurezza in casa: alcuni consigli pratici

 

Bastano pochi accorgimenti per garantire una buona dose di tranquillità iniziale, come far credere che in casa ci sia sempre qualcuno, oppure chiedere ad una persona di fiducia di andare a controllare ogni tanto, in particolare quando si deve trascorrere un periodo di tempo lungo lontani dalla propria abitazione.

Bisogna, poi, creare le giuste condizioni affinché la nostra casa non sia soggetta a facili intromissioni.

Contrariamente a quanto si possa pensare, solo il 12% (Fonte Censis) delle intrusioni avviene attraverso la porta d’ingresso, spesso a causa di cerniere non protette, spessore della porta troppo sottile oppure ancoraggi al muro troppo fragili.

Installare una porta blindata, in ogni caso, scelta in base ai criteri adatti alle esigenze dell’abitazione, è comunque un’ottima soluzione antieffrazione, che sentiamo di consigliarti.

 

Messa in sicurezza delle finestre

 

Abitare in edifici in cui sia facile raggiungere in qualche modo anche le finestre, rende indispensabile mettere in sicurezza anche quelle.

Finestre con vetrocamera antisfondamento

Si possono prevenire le intrusioni rinforzando gli infissi in vetrocamera con griglie esterne ben salde ai muri, o con sistemi che riducano il rischio di sollevamento delle persiane.

Tra l’altro, installando delle finestre con doppi vetri ha anche degli ottimi effetti dal punto di vista del risparmio energetico, un ulteriore incentivo a sceglierle.

 

Vetrocamera antisfondamento: vetro antisfondamento e vetro stratificato

 

Il vetrocamera antisfondamento offre una particolare resistenza ai tentativi di rottura con oggetti contundenti, e si distingue in diverse categorie, riportando per ciascuna delle tipologie la specifica resistenza:

  • vetri stratificati con caratteristiche antinfortunistiche;
  • vetri antivandalismo;
  • vetri anticrimine;
  • vetri antiproiettile.
Il vetrocamera antisfondamento, la soluzione ideale per proteggere la tua casa Condividi il Tweet

Il mercato, oggi, offre un gran numero di soluzioni, tra loro differenti per numero di lastre di vetro, per il loro spessore e per quello del plastico interposto (PVB).

Ad ogni caratteristica corrispondono prestazioni tra loro anche molto diverse, per questo è importante verificare la conformità alle norme ed è bene aver presente che la resistenza alla rottura è strettamente legata al comportamento elastico delle lastre e quindi allo spessore del plastico interposto.

 

Vetrocamera antisfondamento: vetri stratificati antivandalismo

 

I vetri stratificati antivandalismo sono in grado di resistere all’urto con un oggetto contundente scagliato con forza da una persona.

Secondo la normativa vigente, devono reggere l’energia d’urto complessiva causata dalla caduta libera di tre sfere d’acciaio da altezze variabili, al fine di ottenere diverse classi di resistenza.

 

Vetrocamera antisfondamento: vetri stratificati antieffrazione

 

I vetri stratificati antieffrazione sono in grado di ostacolare, a diversi livelli di resistenza, colpi ripetuti e intenzionali.

Ai fini della norma vigente, devono resistere all’energia di urti differenziati in funzione del tipo di attrezzo impiegato per la prova:

  • 350 Joule ottenuti con una mazza;
  • 300 Joule ottenuti con l’ascia.

La prova viene condotta con modalità prestabilite, e dà origine a diverse classi di resistenza.

 

Vetrocamera antisfondamento: finestre antieffrazione

 

Una effrazione in casa può rappresentare non solo un danno economico, ma anche un vero proprio shock.

Secondo i dati rilasciati dal Censis nel suo “Diario della transizione”, l’82% delle intrusioni avviene attraverso le finestre, punti d’ingresso più deboli e facilmente accessibili.

Le persiane in ferro sono un ottimo sistema di sicurezza, costituito da barre in acciaio, che si estendono per tutta la larghezza della finestra, fissate al muro da entrambi i lati eresistenti alla deformazione.

Nella maggior parte dei casi sono apribili, con anta o metodo impacchettabile, che riduce anche l’effetto antiestetico.

 

Normativa vigente: UNI 7697

 

Il 22 maggio scorso è stata emessa la revisione della norma UNI 7697, che riguarda i “Criteri di sicurezza nelle applicazioni vetrarie”, e regola la scelta del tipo di vetro da impiegare nelle varie applicazioni in funzione delle destinazioni d’uso e dei rischi in materia di sicurezza.

In particolare, prevede che le lastre interne di vetrocamere di serramenti, posti ad altezza superiore ai 100 cm dal piano di calpestio, siano di sicurezza; possono quindi essere di vetro temprato (classe minima 1C3) oppure stratificato (classe minima 2B2).

Inoltre, le applicazioni di vetri temprati ad altezze superiori ai 4 metri, che rompendosi possano proiettare frammenti, devono essere sottoposti al test di HST.

Per approfondire l’argomento, ti invitiamo a leggere il nostro articolo dedicato alle norme UNI 7697:2014 e UNI 10818:2015.

 

Vetrocamera antisfondamento con tenda interna

 

Come vedi, proteggere casa dalle effrazioni passa non solo attraverso antifurti e tecnologie particolari, perché prima di tutto questo – che comunque serve e consigliamo – è necessario rinforzare i punti di accesso della tua abitazione, attraverso finestre e porte adeguate allo scopo.

Difendere la casa con vetrocamera antisfondamento

Per fortuna, oggi è possibile proteggere casa senza rinunciare allo stile, magari scegliendo finestre antieffrazione che abbiano un vetrocamera con tende interne, così da garantire anche la privacy dal vicino ficcanaso.

Che non fa mai male.